Cerca in tutto il sito: per ricetta o per ingrediente 〉〉〉

Maltagliati con caprino

Maltagliati con caprino

I Maltagliati con caprino si cucinavano con un formato di pasta molto comune nelle campagne, quando ancora gli spaghetti erano un formato “di lusso”! I maltagliati sono diventati famosi per il loro abbinamento alla minestra di fagioli.

Servite mettendo a disposizione abbondante parmigiano grattugiato.

  Ingrediente principale:

 

Trofie o Maltagliti

400 gr

Ricotta di pecora

 100 gr

Caprino molto profumato

150 gr

Pecorino erborinato

150 gr

Burro        

80 gr

  Verdure:

 

Bietole, solo foglie

1 kg

Cipolla dorata

1 intera

Spezie e Aromi:

 

Noce moscata

1 pizzico

Pepe

1 pizzico

  Altro:

 

Parmigiano grattugiato

100 g

Prosciutto crudo

100 g

Vino bianco

1 bicchiere

Brodo vegetale

1 cucchiaino

Uovo

1 tuorlo

Sale

q.b.

PREPARAZIONE

  • Mettete le verdure a cuocere in un tegame, con il vino bianco ma senza acqua aggiunta, cospargendo con il dado in polvere e tenendo coperto. Dopo poco saranno pronte, appassite completamente adagiate sul fondo del tegame, ma non stracotte.
  • Aspettate che si raffreddino, poi strizzatele e tagliuzzatele finemente, ma, nel frattempo, in una padella fate fondere metà burro, unite la cipolla tritata finemente e, appena è diventata trasparente, unite il prosciutto tritato e le verdure strizzate.
  • Mescolate e lasciate insaporire per alcuni minuti. Appena sarà raffreddato un poco, mettete il composto in una ciotola, amalgamatelo molto bene con la ricotta, i formaggi, il tuorlo, un pizzico di noce moscata. Aggiustate sale e pepe.
  • Cuocete i maltagliati ma toglieteli quando saranno molto al dente. Scolateli e rimetteteli nella stessa pentola, dove verserete tutto l’impasto con le verdure. Girate bene ma delicatamente fino a cottura ultimata (poco più di un minuto) e otterrete dei gustosi maltagliati con caprino.

Intervenite a secondo dei vostri gusti: potreste sostituire il caprino con il Gorgonzola (stessa quantità), ma la ricetta cambierà sapore, oltre che dover cambiare nome!! Avete notato una certa affinità con i ravioli ignudi? Innescate la fantasia! Inventate!

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

On Key

Related Posts

Usiamo cookies per fornirti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito